• on agosto 13, 2020

A sei anni dalla visita del Papa in Corea, la sua voce resta forte

A Seul il ricordo della presenza di Francesco è radicato in due chiare parole: speranza e coraggio. I protagonisti di quei giorni del 2014, i giovani e la Chiesa di Corea, sono in cammino e tanti sono i nuovi progetti che vogliono rendere reale e concreto il messaggio lasciato dal pontefice. Ce ne parla monsignor Lazzaro You Heung-sik, vescovo di Daejeon