• on maggio 26, 2021

Lidia, sopravvissuta ad Auschwitz: “Il bacio del Papa sul braccio mi ha dato forza”

Nell’intervista con Vatican News, Lidia Maksymowicz, polacca di origini bielorusse superstite ai lager nazisti e agli esperimenti di Mengele, racconta l’incontro di oggi all’udienza generale con Francesco al quale ha mostrato il numero della sua deportazione nel campo di concentramento. Tre i regali al Pontefice per simboleggiare memoria, speranza, preghiera. “Con il Santo Padre nessuna parola, ci siamo capiti con uno sguardo”