• on febbraio 22, 2022

L’effimero e l’eterno

Destinati alla distruzione. Oggi sono capolavori senza tempo. Conservati nelle collezioni vaticane i rarissimi modelli in terra cruda furono realizzati da due protagonisti della scultura del Seicento: Bernini e Algardi. Composti di materiale friabile e delicatissimo, dovevano servire come forme prima della fusione delle opere definitive in bronzo. Sono sopravvissuti alla storia. Sui manufatti berniniani è rimasta impressa l’impronta digitale del Maestro

Leggi Tutto