• on novembre 16, 2021

Missioni cattoliche italiane, una “casa tra le case” per gli italiani all’estero

Anche grazie ai “milioni di emigranti italiani e di altri Paesi che stanno rinnovando il volto delle città”, l’Europa sta diventando “un bel mosaico”. Papa Francesco ha ricevuto, giovedì 11 novembre, in Vaticano, circa 200 tra sacerdoti, laici e operatori impegnati nella pastorale con gli italiani residenti in Europa e partecipanti al convegno delle Missioni cattoliche italiane, promosso dalla Fondazione Migrantes, sul tema “Gli italiani in Europa e la missione cristiana. Radici che non si spezzano ma che si allungano ad abbracciare ciò che incontrano”.

Mci che sono state la “casa” per tanti italiani “che erano lontano da casa”, come ha detto il direttore Migrantes, don Gianni de Robertis. Le Mci, ha spiegato il presidente della Fondazione, l’arcivescovo mons. Gian Carlo Perego,  possono essere “uno strumento, una ‘casa tra le case’ per un primo incontro, ma soprattutto un’esperienza e una comunità laicale che aiuta a intercettare, accompagnare e anche aiutare gli emigranti a non rompere quel filo sottile che li lega alla Chiesa ma a intraprendere un nuovo percorso di vita cristiana”.Perego ha parlato di progetti “interlinguistici”, “interculturali”, ecumenici e interreligiosi, “liberi da stereotipi comuni e da contrapposizioni infruttuose”.

Comunità che “possano continuare a essere fonte di vita, di guarigione spirituale per le tante ferite di questo nostro continente”, ha detto il presidente della Cei, il cardinale Gualtiero Bassetti evidenziando che “l’unica Italia a crescere non è sul nostro territorio nazionale ma è l’Italia che risiede all’estero”. Ecco allora l’importanza di una presenza, come quella di sacerdoti di lingua italiana, a fianco dei nostri connazionali che oggi vivono all’estero. Una figura e un ruolo che va certamente ripensato: “una priorità e una necessità irrimandabile”, dice don Luigi Usubelli, responsabile della Mci di Barcellona aggiungendo che il convegno vissuto a Roma “ha posto in luce la necessità dell’acquisizione di competenze interculturali da parte dei sacerdoti – in Italia e all’estero – in quanto la maggior parte di loro – causa la consistente mobilità contemporanea – entra inevitabilmente in contatto con cristiani di altre culture”.

Il sacerdote parte dalla base della Missione cattolica italiana, con la preoccupazione di andare e vedere e rendersi conto anche dell’evolversi delle situazioni, perché le persone cambiano e quindi “l’empatia con il popolo è cruciale, e bisogna, anche, andare a cercarli un po’ casa per casa e testimoniare l’attenzione della Chiesa per loro sia in senso umano sociale che spirituale e religioso”, spiega don Pierluigi Vignola della Mci di Amburgo in Germania.

Soprattutto per le comunità di vecchia generazione il sacerdote italiano, spiega don Gregorio Aiello della Mci di Genk, in Belgio, “stimola e incoraggia relazioni personali che sono alla base della vita comunitaria”, un riferimento “prezioso per potersi esprimere potendo comunicare spontaneamente i sentimenti e le esperienze di gioia e dolore che accompagnano la vita”.

Naturalmente la Missione cattolica di lingua italiana non è più quella di una volta: “non ci sono più i migranti con la valigia di cartone”. Il sacerdote oggi è “un accompagnatore che si pone accanto e in cammino con la comunità dietro a Gesù in ascolto della sua parola”, sottolinea don Pasquale Avena della Mci di Annecy, in Francia.

Il sacerdote, per sua natura, è “fautore di incontri”, spiega don Valeriano Giacomelli, responsabile delle Missioni cattoliche italiane in Romania: “l’incontro con i fratelli e le sorelle ha come prima finalità quella di instaurare relazioni costruttive, sane ma, come finalità ultima, quella di portarli o riportarli ‘all’incontro’ con Cristo e il suo messaggio di salvezza. Ritengo che tale pastorale ‘dell’incontro’ sia in modo particolare importante da incarnare nei confronti degli emigrati italiani che, per svariati motivi, si sono recati, per brevi o lunghi periodi, in altre nazioni dell’Europa o del mondo”.

La Chiesa è per sua natura missionaria e il sacerdote è chiamato a mettere in atto questa missione “vivendo in mezzo agli altri uomini come fratelli in mezzo ai fratelli con il ruolo di sentinella per poter scrutare i segni dei tempi e interpretarli alla luce del Vangelo”, sottolinea don Antonio Serra, delegato delle Missioni cattoliche italiane in Gran Bretagna che ricorda l’istituzione delle Missioni cattoliche italiane caratterizzate da “un modo di vivere, di pregare e di parlare solidamente ancorati alle radici della propria Patria. In un contesto di smarrimento e di incertezza i sacerdoti hanno rappresentato un punto di riferimento spirituale, sociale e linguistico per gli emigrati italiani in terra straniera”. Oggi le Mci hanno “allargato il loro ambito di azione e sono diventate di lingua italiana per accogliere coloro che pur non essendo italiani erano emigrati prima in Italia e poi all’estero”. Un uomo, il sacerdote accanto a queste comunità, che sa “spendersi” per i nostri connazionali portando “speranza e gioia” a queste comunità, ha detto fra Sergio Tellan delle Mci in Ungheria.

Comunità che grazie alla loro radicata religiosità popolare hanno “comunicato la gioia del Vangelo, hanno reso visibile la bellezza di essere comunità aperte e accoglienti, hanno condiviso i percorsi delle comunità cristiane locali”, ha detto loro papa Francesco. La storia della Chiesa locale e la ricchezza “rigenerante delle comunità migranti fanno sì che Dio parli ancora alla Chiesa e parli con linguaggi nuovi”, ha sottolineato il responsabile della Mci di Berna, in Svizzera, p. Antonio Grasso.